venerdì 31 agosto 2012

Breath in, Breath out


Ogni tanto si ferma a guardare quei vecchi jeans

di cui ha promesso di liberarsi tante volte.
Ancora le entrano, e riesce ad allacciarli.
Il problema vero è che l'effetto è diverso.
Quella allo specchio non è più la stessa,
e per quanto ricerchi in sé la motivazione,
quella allo specchio vorrebbe solo mettere su quei vestiti
e scoprire che le sono di nuovo grandi.

Si ricorda dell'anno della maturità,
del vento gelido che le tagliava il viso,
dei brividi in tutto il corpo,
delle lacrime.
Non aveva mai pianto per il freddo.

E in quell'immagine patetica ritrova
una sicurezza ormai perduta.
La malattia la teneva al sicuro,
adesso il mondo le fa paura.


Continuare a dire "Sto guarendo", ma commettere ancora gli stessi errori.

8 commenti:

  1. Lascia che il mondo ti sveli dei lati di te che non sapevi nemmeno di avere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      Mi lasci sempre senza molte parole.
      Grazie..

      Elimina
  2. Quella frase dà l'idea di essere ancora sulla "retta via" intrapresa, dà la sicurezza tale da poter dire "adesso questo brutto periodo passa", dà quasi un riparo immaginario, e illude tanto...
    Io credo che siamo nel bel mezzo di una maledetta ricaduta. Forse dovremmo imparare ad accettarlo, e dire "Sto guarendo ma adesso sono ricaduta". E' più lungo ma è più veritiero.
    Speriamo vada meglio.
    Un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo, sì.
      Lo meritiamo entrambe :)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Io credo che ci sarà una parte della nostra mente che avrà sempre quei pensieri... che desidererà sempre quelle cose... non tanto per le cose in sè, ma per quello che hanno rappresentato... Tuttavia, fortunatamente abbiamo un cervello pensane. E questo ci consente di distinguere quello che è razionale da quello che è malato. Io non credo che dall'anoressia si possa "guarire" nel senso proprio del termine... però sono fermamente convinta che si possa avere una remissione della malattia. Ed è per questo che dobbiamo impegnarci, e non mollare. Le ricadute fanno parte del percorso. I pensieri devianti probabilmente saranno presenti per tutta la vita. Ma abbiamo tutta l'intelligenza e la forza per relegarli in quell'angoletto della nostra mente, e per andare avanti combattendo.
    Ti abbraccio forte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo la mia terapeuta, guarire totalmente è possibile.. Io sono più propensa a pensarla come te: sarà sempre una parte di noi, dei nostri pensieri.
      Grazie.

      Elimina
  4. purtroppo la guarigione è un processo lento e difficile.. mentalmente parlando soprattutto.
    Il fatto di riprendere peso, cosa che in una guarigione dovrebbe essere segno di piccoli passi verso la vittoria, ci distrugge. ma è normale, è normale che all'inizio di una guarigione dall'anoressia si desideri esserci ancora dentro, è normale che si ricordino i momenti passati con lei come se fosse una "migliore amica".. nel momento della guarigione vedi tutti i lati positivi (inesistenti) dell'anoressia.. è lei che te li fa vedere, teme che tu l'abbandoni per sempre.
    ma ce la faremo.. con il tempo, armate di santa pazienza e una grandissima forza di volontà, ce la faremo!
    ti sono vicina, tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti seguo anche io :)
      In realtà è più di un anno che cerco di guarire.. ma hai perfettamente ragione.
      Un abbraccio.

      Elimina

Un'impronta su questa strada bagnata di pioggia.